Abusi edilizi alcuni cenni sul rapporto tra sequestro preventivo e ordine sospensione dei lavori

L’ordine di immediata sospensione dei lavori adottato ai sensi dell’art. 27, T.U. Edilizia (provvedimento cautelare-interinale amministrativo) è sufficiente a scongiurare il pericolo concreto ed attuale di prosecuzione del reato edilizio e di aggravamento delle sue conseguenze, e/o di commissione di ulteriori violazioni della legge penale? La risposta, secca, della pronuncia in epigrafe è: no.

Ed esiste un provvedimento che garantisca meglio questa finalità? Anche qui, la risposta, secca, è: sì, ed è il sequestro preventivo ex art. 321, c.p.p., ordinariamente proprio dell’autorità giudiziaria, ma, quando non sia possibile, per la situazione di urgenza, attendere il provvedimento del giudice o l’intervento del pubblico ministero, adottabile dalla polizia giudiziaria, salvo convalida nei termini di legge.

 

Continua la lettura dell’APPROFONDIMENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.