MAGGIOLI EDITORE - Polizialocale


Richiesta di accesso agli atti - Ai fini della integrazione del delitto di omissione di atti d'ufficio, è irrilevante il formarsi del silenzio-rifiuto entro la scadenza del termine di trenta giorni dalla richiesta del privato.  Corte di Cassazione, sez. VI Penale, 13/11/2013, n. 45629 

Ne consegue che il “silenzio-rifiuto” deve considerarsi inadempimento e, quindi, come condotta omissiva richiesta per la configurazione della fattispecie incriminatrice.

Vedi il testo della sentenza


www.polizialocale.com