Questo articolo è stato letto 1 volte

Spetta al Consiglio Comunale l’approvazione del Regolamento del Corpo della Polizia Municipale: una sentenza del TAR Lazio dirime la questione della competenza ad emanare la delibera. L’approfondimento a cura di U. Terraciano

spetta-al-consiglio-comunale-lapprovazione-del-regolamento-del-corpo-della-polizia-municipale-una-sentenza-del-tar-lazio-dirime-la-questione-della-competenza-ad-emanare-la-delibera-lapprofondiment.jpg

Nella gerarchia del Corpo di Polizia Municipale lui, ispettore superiore, si trovava in quarta posizione dopo il colonnello comandante e due suoi colleghi, pari di grado ma più anziani nel servizio. Sono bastate quattro parole inserite dalla Giunta Comunale in una delibera di modifica al Regolamento del Corpo, però, e la sua posizione è fatalmente scivolata in basso per effetto della riqualificazione di ben ventuno suoi colleghi, parificati a lui nel grado ma ad egli sovra ordinati sempre per effetto dell’anzianità.

Insomma, se il giorno prima coordinava, controllava e magari rimproverava, il giorno dopo, “volta la carta”, si era ritrovato in subordine oggetto lui stesso di coordinamento e controllo. Dicendola alla Zygmunt Bauman, anche le cose della pubblica amministrazione sono oramai diventate assai “liquide”.
Paradosso di un sistema gerarchico? Forse sarebbe più corretto parlare di fragilità di un ordinamento (quello della polizia locale), formalmente rigido ma nei fatti malleabile, se non sempre più duttile alle istanze politico-amministrative del momento (nel bene come nel male). Così, organismi dotati di poteri di polizia – i Corpi di Polizia Locale, appunto – possono vedere modificata non solo la catena di comando, ma addirittura la struttura organizzativa con una procedura rapida e priva di qualsiasi controllo di legittimità esterno. 
Incominciamo col dire che lui, l’ispettore superiore di un Corpo di Polizia Locale del Lazio, ha fatto ricorso al TAR e lo ha anche vinto. Ma quello che questa vicenda ci ripropone è la debolezza di un sistema che oggi ingloba complessivamente in Italia più di sessantamila addetti, in gran parte armati e dotati di poteri di sanzione, prevenzione e repressione dei reati. Un sistema che, peraltro, ha fatto il suo ingresso dirompente nelle moderne strategie di sicurezza urbana nell’ambito delle quali si è ritagliato un posto di tutto rispetto…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *