Questo articolo è stato letto 0 volte

Dalla Newsletter del Garante una conferma alle risposte pubblicate su questo servizio.  Può essere lecito filmare e fotografare gli agenti durante le attività di controllo, con alcuni limiti circa la diffusione delle immagini.

dalla-newsletter-del-garante-una-conferma-alle-risposte-pubblicate-su-questo-servizio-pu-essere-lecito-filmare-e-fotografare-gli-agenti-durante-le-attivit-di-controllo-con-alcu.jpg

(Dal sito del Garante)

Lecito filmare pubblici ufficiali e funzionari pubblici, ma attenzione all’uso delle immagini

I funzionari pubblici e i pubblici ufficiali, compresi i rappresentanti delle forze di polizia impegnati in operazioni di controllo o presenti in manifestazioni o avvenimenti pubblici, possono essere fotografati e filmati, purché ciò non sia espressamente vietato dall’Autorità pubblica. L’uso delle immagini e delle riprese deve però rispettare i limiti e le condizioni dettate dal Codice in materia di protezione dei dati personali.
Lo precisa l’Ufficio del Garante privacy rispondendo ad un quesito del Ministero dell’interno relativo alla liceità dell’acquisizione e della diffusione in rete di immagini riprese da privati nel corso di controlli della polizia stradale. Le immagini e i filmati – osserva il Garante – rientrano infatti nella definizione di dato personale, e sia la loro acquisizione che ogni forma di loro diffusione costituiscono un trattamento di dati ai quali si applica la disciplina del Codice privacy.
Il Garante ritiene generalmente lecita l’acquisizione e l’uso di foto e video effettuati nel corso di fatti, avvenimenti o cerimonie pubbliche, relativi anche a pubblici ufficiali, funzionari pubblici o incaricati di pubblico servizio nell’esercizio delle loro funzioni, esclusi solo i casi in cui, nei modi e nelle forme previste dalla legge, l’Autorità pubblica lo vieti.
Il Garante ricorda però che, per quanto riguarda l’utilizzazione delle immagini, è necessario prestare particolare attenzione alle condizioni e ai limiti posti dal Codice privacy a seconda che si tratti di circolazione di dati tra un numero ristretto di persone, diffusione in rete o loro utilizzo a fini di giustizia.
Il Garante sottolinea, infine, che le persone riprese che ritengono lesi i propri diritti possono sempre far ricorso agli ordinari rimedi previsti dall’ordinamento sia in sede civile che penale.
 

Vedi la risposta in linea con quella, successiva, del Garante – 22 maggio 2012 – Agenti fotografati durante il servizio (Altro)

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *