Questo articolo è stato letto 0 volte

Una bicicletta deve intendersi esposta per necessità, e non già per consuetudine, alla pubblica fede quando il detentore la parcheggi per una sosta momentanea lungo la strada, così determinando l’operatività dell’aggravante in caso di furto. Cassazione penale, sez V, 22/1/2013, n. 3196

una-bicicletta-deve-intendersi-esposta-per-necessit-e-non-gi-per-consuetudine-alla-pubblica-fede-quando-il-detentore-la-parcheggi-per-una-sosta-momentanea-lungo-la-strada-cosigrave.jpg

Vedi il testo della sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *