Questo articolo è stato letto 1 volte

Criterio per determinare la spesa del personale dei comuni aderenti all’unione. (S. Biancardi)

criterio-per-determinare-la-spesa-del-personale-dei-comuni-aderenti-allunione-s-biancardi.jpg

Nell’ipotesi di gestione di servizi comunali da parte di unioni di comuni, al fine di evitare l’elusione della finalità perseguita dal legislatore in materia di contenimento della spesa del personale e con lo scopo di impedire operazioni di esternalizzazione effettuate all’unico scopo di aggirare i limiti stabiliti per legge, è necessario che l’ente interessato faccia emergere la spesa del personale nella sua effettiva integralità.
A tal fine, la quantificazione della suddetta spesa deve essere effettuata sommando la spesa del personale dell’ente e la quota parte di spesa dell’unione riferita all’ente.
È quanto ha sostenuto la Corte dei conti, sez. di controllo per il Veneto, nel parere contenuto nella deliberazione 16 gennaio 2013, n. 21

Continua a leggere 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *