Questo articolo è stato letto 4 volte

I limiti alla trasparenza: l’articolo 4 del decreto legislativo 33/2013 (Quinta parte)

i-limiti-alla-trasparenza-larticolo-4-del-decreto-legislativo-332013-quinta-parte.jpg

Prima parte
Seconda parte
Terza parte
Quarta parte

Premessa
Il decreto legislativo 33/2013 (nel prosieguo anche decreto trasparenza) nella sua “rivoluzionaria” impostazione degli obblighi di trasparenza, considerata nella sua funzione di conoscibilità/comprensibilità piuttosto che di semplice visibilità di atti e documenti, prevede anche ovvi limiti alla trasparenza con una specifica norma contenuta nell’articolo 4 oggetto di grandissima considerazione da parte del Garante per la protezione dei dati personali che ha avuto modo di esprimersi sullo schema di decreto e suggerire alcune rilevanti modifiche/adeguamenti.

I limiti alla trasparenza
L’articolo 4 del decreto legislativo “trasparenza” contiene la disciplina “di chiusura” degli obblighi di pubblicità imposti (o ribaditi) ai soggetti che svolgono funzioni amministrative definendo i limiti della trasparenza.
Insistono, ovviamente, già dei casi – si pensi in materia di accesso ex articolo 24 della legge 241/1990 – in cui il diritto alla conoscibilità (funzionale alla comprensibilità) deve essere contemperato con esigenze personali/specifiche di estremo rilievo di cui il legislatore deve risultare garante ed apprestare ogni tutela possibile contro potenziali abusi.
L’articolo 4 del decreto, in questo senso, è dedicato a fissare l’ ambito di espansione degli obblighi di trasparenza…

Continua a leggere 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *