Questo articolo è stato letto 0 volte

Valida la notifica all’amante

notifica

notificaProprio così: arriva il postino, quando meno te lo aspetti, e la procace donzella, aperta la porta, anziché trovare l’atteso pranzetto ordinato al ristorante sotto casa, trova il portalettere che deve consegnare una raccomandata al legittimo residente, magari presente, ma momentaneamente non presentabile.
E così l’amante firma, dichiarandosi moglie convivente. Interessante poi immaginare la giustificazione all’arrivo della seconda comunicazione presso il domicilio (CAN).
Al di là della fantasia alquanto romanzata, la Cassazione Civile (sez. VI 1/8/2013 n. 18492) ha ritenuto che la notifica effettuata al domicilio del destinatario, a mani di persona che si dichiari convivente o di famiglia (nel caso specifico moglie convivente), sia valida indipendentemente dal fatto che la qualifica dichiarata corrisponda a verità.
In sostanza la Cassazione ritiene valida la notifica fatta al domicilio del destinatario a persona che, senza che emergessero evidenti motivi che facessero sospettare una situazione irregolare, ha aperto la porta qualificandosi convivente o di famiglia, restando pertanto nella facoltà del destinatario della notifica la possibilità di agire civilmente nei confronti della persona che indebitamente ha ritirato l’atto (ovviamente nel limitato caso in cui sia dimostrato un danno).

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *