Questo articolo è stato letto 26 volte

Veicolo immatricolato all’estero e doppia residenza (quesito di un partecipante al Convegno di La Spezia)

veicolo-immatricolato-allestero-e-doppia-residenza-quesito-di-unpartecipante-al-convegno-di-la-spezia.jpg

QUESITO

Persona residente in Italia oppure con doppia residenza sia in Italia che all’estero, può circolare da oltre due anni nello stato Italiano con una vettura con targa rumena, tedesca o francese.

RISPOSTA

Come detto il concetto di doppia residenza presenta molti limiti ai fini della materia di cui si tratta. Pertanto, pur essendo ricorrenti i casi di “doppia residenza” non può che farsi riferimento alla residenza normale che, di norma, coincide con quella anagrafica. Pertanto se il veicolo è stato importato all’atto del trasferimento della residenza in Italia e appurato che anche la residenza normale è stata stabilita in Italia, il veicolo può circolare per un anno nel territorio italiano e poi deve essere
nazionalizzato a nulla rilevando l’esistenza di una seconda residenza all’estero.
Se invece il veicolo è stato acquista all’estero dopo il trasferimento della residenza in Italia, dove è stabilita anche la residenza normale, la situazione è irregolare perché si può immatricolare un veicolo solo ove si è stabilita la residenza normale che necessariamente non può essere stabilita in due diversi Stati. In tale caso valgono le considerazioni riassunte nella relazione del Convegno di La Spezia e qui pubblicate:

G. Carmagnini (www.vigilaresullastrada.it 27/1/2014) – Il nuovo gioco dell’importazione definitiva all’estero di veicoli immatricolati in Italia. Un fenomeno dilagante e i pochi strumenti a disposizione.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *