Questo articolo è stato letto 6 volte

Non risponde del reato di cui all’articolo 479 cp il conducente che falsamente dichiara a verbale di essere titolare di valida patente di guida – Corte di Cassazione Penale, 16/6/2015

non-risponde-del-reato-di-cui-allarticolo-479-cp-il-conducente-che-falsamente-dichiara-a-verbale-di-essere-titolare-di-valida-patente-di-guida-corte-di-cassazione-penale-1662015.jpg

Dichiarava falsamente agli agenti di polizia di non essere momentaneamente in possesso della patente, la quale invece gli era stata revocata. In questo modo, l’uomo induceva i pubblici ufficiali a redigere nei suoi confronti un verbale per la sola infrazione amministrativa prevista dall’art. 180 c.d.s. (possesso dei documenti di circolazione e di guida).
L’imputato, accusato ai sensi degli articolo 48 e 479 c.p., ricorreva in Cassazione deducendo che i pubblici ufficiali, indotti in errore, avrebbero avuto il potere-dovere di verificare se quanto loro dichiarato rispondesse o meno a verità.

Vedi il testo della Sentenza

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *