Questo articolo è stato letto 11 volte

AMBIENTE
Nuove disposizioni in materia di tutela ambientale in vigore dal 2 febbraio 2016 (G. Carmagnini)

ambientenuove-disposizioni-in-materia-di-tutela-ambientale-in-vigore-dal-2-febbraio-2016-g-carmagnini.jpg

Il c.d. collegato ambientale (legge 28 dicembre 2015, n. 221 , in G.U. n. 13 del 18 gennaio 2016) ha introdotto alcune novità di immediato interesse per gli operatori di polizia stradale e numerose modifiche al d.lgs. 3 aprile 2006, n. 152, Testo Unico dell’Ambiente (TUA) e alla normativa complementare in materia di rifiuti.

Oltre all’obbligo delle lampade a basso consumo per i semafori(1), nel caso necessiti la sostituzione di quelle a incandescenza, sono state introdotte nel testo unico dell’ambiente nuove disposizioni specifiche per la tutela del territorio dai rifiuti prodotti da chi fuma o da chi mastica gomme o deve smaltire altri piccoli oggetti. A tal fine i comuni dovranno istallare nelle strade, nei parchi e nei luoghi di alta aggregazione sociale appositi raccoglitori per la raccolta dei mozziconi dei prodotti da fumo.
I produttori, in collaborazione con il Ministero dell’ambiente e della tutela del territorio e del mare, dovranno attuare apposite campagne di informazione per sensibilizzare i consumatori sulle conseguenze nocive per l’ambiente derivanti dall’abbandono dei mozziconi dei prodotti da fumo (art. 232-bis del c).
Quello che però più ci interessa è l’introduzione di specifici divieti. In particolare è vietato e sanzionato:

• l’abbandono di mozziconi dei prodotti da fumo sul suolo, nelle acque e negli scarichi. Sanzione da euro 30 a euro 150 aumentata sino al doppio(2)  (art. 232-bis, comma 3 –art. 255, comma 1-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152).

•Al fine di preservare il decoro urbano dei centri abitati e per limitare gli impatti negativi derivanti dalla dispersione incontrollata nell’ambiente di rifiuti di piccolissime dimensioni, quali anche scontrini, fazzoletti di carta e gomme da masticare, è vietato l’abbandono di tali rifiuti sul suolo, nelle acque, nelle caditoie e negli scarichi (art. 232-ter, comma 1– art. 225, comma 1-bis del decreto legislativo 3 aprile 2006, n. 152).. Sanzione da euro 30 a euro 150 (PMR euro 50)

Continua a leggere

 

 

Novità editoriali

Reati ambientali e indagini di Polizia giudiziaria

di Luca Ramacci

Il ruolo, l’attività e l’applicazione specifica degli istituti processuali da parte di Ufficiali e Agenti di Polizia Giudiziaria impegnati in indagini investigative di stampo penalistico nel vasto e articolato settore della tutela dell’ambiente.

Arricchita dal Formulario comprendente 26 atti di P.G. e da prospetti riepilogativi delle procedure e delle sanzioni, questa nuova opera illustra le singole discipline vigenti in tema di inquinamento (rifiuti, acqua, aria, rumore, sostanze pericolose), di animali, di reati urbanistici ed edilizi, aggiornate secondo tutte le recenti innovazioni legislative.


Clicca qui per maggiori informazioni

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *