Questo articolo è stato letto 162 volte

Sosta senza pagamento della tariffa: nuovi limiti al ricorso

parcometri-e-pagamenti-mediante-carte-di-credito-o-di-debito.jpg

La Cassazione, decidendo in merito al ricorso presentato da un automobilista sanzionato per non aver posto in funzione il dispositivo di controllo della durata della sosta in parcheggio dato in concessione ad una società privata, afferma che “ove sia stata irrogata una sanzione pecuniaria per la sosta di un autoveicolo in zona a pagamento senza esposizione del tagliando attestante l’avvenuto versamento della somma dovuta, il controllo del giudice non può estendersi anche agli eventuali vizi di legittimità della deliberazione della giunta comunale di concessione della gestione del servizio ad un’impresa privata, che non si inserisce nella sequenza procedimentale che sfocia nell’adozione dell’ordinanza opposta”. I vizi dell’iter di formazione delle delibere e degli altri atti comunali, anche se questi costituiscono il presupposto dell’accertamento e quindi dell’irrogazione della sanzione, non possono sempre e comunque essere dedotti in giudizio.

Leggi la sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *