Questo articolo è stato letto 107 volte

Incidente stradale e limiti dell’affidamento nel rispetto delle regole da parte degli altri utenti della strada

incidente-stradale-anche-da-solilapprofondimento-a-cura-di-m-marchi-www-polizialocale-com.jpg

Il caso. La Corte d’Appello di Bologna condannava l’imputato per il reato di cui all’art. 589, comma 1 e 2, c.p.. All’imputato veniva contestato di non aver mantenuto la distanza di sicurezza e la velocità corretta in relazione all’orario notturno e alla mancanza di illuminazione, causando così un incidente che aveva provocato la morte della persona offesa.

Il condannato ha proposto ricorso per Cassazione lamentando che i Giudici di merito non abbiano considerato che la condotta della vittima fosse connotata da assoluta imprevedibilità, in quanto aveva compiuto un brusco rallentamento della velocità. Secondo i Giudici la manovra improvvisa della vittima non giustificava il comportamento dell’imputato, il quale non aveva prestato «la dovuta attenzione alla guida».

La Cassazione ha precisato che per risolvere la questione attinente all’imprevedibilità delle condotta della vittima deve farsi applicazione del principio dell’affidamento, detto principio deve essere valutato in relazione al principio opposto secondo cui «l’utente delle strada è responsabile anche del comportamento imprudente altrui purché questo rientri nel limite della prevedibilità».

«L’osservanza della distanza di sicurezza mira proprio ad evitare che il guidatore, rispettando lo spazio di arresto necessario, collida con altro veicolo».

LEGGI LA SENTENZA

 

Concilia Service 4.0

L’esternalizzazione digitale della gestione delle violazioni al Codice della Strada

La trasformazione digitale delle PA non è soltanto un’opportunità di  modernizzazione ma soprattutto, l’occasione di rendere più semplice ed efficienti le relazioni con Cittadini ed Imprese.

Il Gruppo Maggioli dà una risposta concreta a questa precisa esigenza con Concilia Service 4.0 il nuovo servizio per la gestione in outsourcing di tutti i verbali (tradizionali e a mezzo PEC).

Il servizio risponde alla novità normativa introdotta dal decreto interministeriale n. 217 del 18 dicembre 2017.

CLICCA QUI per sapere come funziona

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *