Questo articolo è stato letto 129 volte

La combustione illecita di rifiuti. Elementi caratterizzanti

Approfondimento di Gabriele Mighela

rifiuti5

L’articolo 3 della legge 6/2014 ha introdotto l’articolo 256bis nella parte IV del DLgs 152/2006 (Testo Unico Ambientale) disciplinando il nuovo reato di combustione illecita di rifiuti.

Precedentemente alla novella in caso di condotte di abbruciamento di rifiuti illecite, veniva applicato il reato di smaltimento abusivo di rifiuto mediante incenerimento a terra ai sensi dell’articolo 256 del DLgs 152/2006 e, aspetto importante, tale articolo riguardava le ipotesi di chi volendo fare attività continuativa di gestione rifiuti non richiedeva la autorizzazione, iscrizione, comunicazione. Inoltre, in caso di emissioni di fumo atte a offendere, imbrattare o molestare le persone è ancora applicabile l’art. 674 c.p. (arresto fino a 1 mese o ammenda fino ad euro 200), che in quanto reato di pericolo e non di danno, punisce anche le molestie potenziali facilmente dimostrabile in caso di incendio di rifiuti.

>> Continua a leggere l’ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *