Questo articolo è stato letto 762 volte

Videosorveglianza e convenzioni con le forze di polizia dello Stato

Articolo di Stefano Manzelli

telecamera

Le esigenze concomitanti della Polizia Locale e delle forze di polizia dello Stato, possono trovare soluzione nella condivisione dei sistemi di videosorveglianza,  ma ciò non può prescindere dalla necessità di formalizzare un accordo tra i soggetti coinvolti, al fine di disciplinare non solo l’uso degli impianti, ma anche le prerogative di ciascun partecipante con la relativa sfera di responsabilità in ordine al trattamento.

In funzione di tale progetto saranno essenziali i seguenti passaggi:

a) la realizzazione di un progetto strategico già condiviso dalle Forze di polizia operanti sul territorio,
in modo da aver già chiari gli obiettivi da raggiungere e le esigenze di ciascuna amministrazione;
b) la stipula di un Patto per l’attuazione della sicurezza urbana  tra il prefetto competente e il sindaco del comune interessato, al fine di porre le basi per la realizzazione del progetto di videosorveglianza condivisa;
c) la formalizzazione di un accordo convenzionale che stabilisca prerogative e responsabilità di ciascun attore

In questo modo, la finalità potrà essere determinata congiuntamente da sindaco e prefetto, mentre la tipologia e le modalità di trattamento dei dati, compresi diversi livelli e possibilità di accesso, potranno essere definite in modo specifico per ciascun comando che interviene nell’accordo.

In questo modo, il sistema di videosorveglianza “interforze”, sin dall’origine progettato con finalità di polizia e tutela della sicurezza, potrà effettivamente essere condiviso tra polizia locale e forze di polizia statali, determinando una effettiva collaborazione interistituzionale.

Una prima importante esperienza in tal senso è stata fatta a Livorno, dove il comune ha recepito la richiesta dell’UTG di potenziare i sistemi di videosorveglianza per finalità anche di sicurezza pubblica.

E all’esito dell’installazione, prima di utilizzare i nuovi dispositivi, ha richiesto di formalizzare l’uso di queste installazioni con un accordo di contitolarità sul trattamento dei dati personali.

Il nuovo impianto di videosorveglianza urbana installato dal comune labronico servirà così al meglio tutte le forze di polizia dello Stato e non solo la polizia locale sulla base dell’accordo di contitolarità sottoscritto il 12 marzo 2020 in prefettura dopo il via libera del Viminale.


PER APPROFONDIRE

Videosorveglianza e attività di polizia

Videosorveglianza e attività di polizia

Stefano Manzelli, Gianluca Sivieri, Laura Biarella, 2020, Maggioli Editore
Normativa - Giurisprudenza - Modulistica

32,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *