Questo articolo è stato letto 155 volte

La Cassazione continua a sostenere che ove i segnali turistici e di territorio contengano il nome e/o il logo della ditta vanno considerati alla stregua della pubblicità e pertanto sono soggetti al tributo o canone previsto per i mezzi pubblicitari (ma, allora, dovrebbero essere soggetti anche all’autorizzazione di cui all’articolo 23! NdA) – Corte di Cassazione, sez. VI civile, 11/04/2014, n. 8616 

Vedi il testo della sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.