Questo articolo è stato letto 5 volte

Il periodo di tempo intercorrente tra l’ultimo momento di guida del conducente e quello dell’accertamento del test alcolemico non influisce sulla fisionomia del reato, bensì su quello della dimostrazione processuale della sussistenza dello stato di ebbrezza – Corte di Cassazione, sez. IV Penale, 5/62015, n. 24206

Vedi il testo della Sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.