Omicidio stradale: circolare della Procura di Udine

In contrasto con la Procura di Trento e in maniera condivisa dagli Autori, la Procura di Udine pare non rilevare alcuna criticità rispetto al prelievo coattivo del sangue nel caso di rifiuto del conducente a sottoporsi agli accertamenti tradizionali, ovvero, sempre secondo la Procura, anche nel caso di impossibilità del conducente ad esprimere un valido consenso.

Vedi il testo della Circolare della Procura di Udine

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.