Omologazione di veicoli di categoria M1 trasformati in autocarri categoria N1: chiarimenti del MIT

Con la recente Circolare prot. 4036 del 17.2.2017, il Ministero delle Infrastrutture e dei Trasporti interviene per fornire chiarimenti in merito alle omologazioni limitate per piccola serie ai sensi del DM 277/2001, in riferimento alla richiesta in ordine alle azioni da intraprendere a seguito di istanze prodotte per la “omologazione di fase II di veicoli di categoria MI trasformati in autocarri categoria N1” ai sensi
del D.M. 277/2001.

Alla luce delle circolari di riferimento, il MIT conferma, per quanto riguarda le procedure, che i CPA possono continuare a rilasciare le omologazioni in oggetto nel regime transitorio in ottemperanza al D.M. 277/2001 nel rispetto delle disposizioni impartite dalla direttiva 2007/46/CE e ss.mm.

Per quanto concerne l’omologazione, il Ministero ricorda che la categoria di appartenenza di un veicolo ad una delle categorie M1 o N1, determinata dal costruttore al momento della richiesta di omologazione del tipo – anche se in più fasi – è subordinata alla ottemperanza di tutte le Direttive comunitarie/Regolamenti vigenti al momento della richiesta.

Il MIT segnala che:

“L’appartenenza di un veicolo ad una determinata categoria consegue, quindi, dalla progettazione e dalla costruzione dello stesso in piena conformità alle norme comunitarie, aventi ambiti di applicazione differenziati a seconda della relativa categoria d’appartenenza, come nel caso di veicoli di cat. M1 e cat. N1, di cui all’elenco delle prescrizioni applicabili alle diverse categorie dei veicoli riportato nella direttiva 2007/46/CE e successive modifiche ed integrazioni”.

Quindi, in relazione al caso oggetto della circolare, occorre fare riferimento al comma 2 dell’ art. 9 che concerne le omologazione in più fasi applicabile anche ai veicoli completi trasformati o modificati da un altro costruttore e nel quale vengono richiamate espressamente le procedure contenute nell’allegato XVII della medesima Direttiva Quadro.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.