Le modifiche al codice della strada e la legge delega (prima parte)

Approfondimento di Giuseppe Carmagnini

26 Giugno 2023
Scarica PDF Stampa
Modifica zoom
100%
Il corposo articolato diffuso su vari siti professionali, per quanto provvisorio e per quanto al momento se ne siano perse le tracce, consente un primo commento delle novità che potrebbero vedere la luce in futuro, eventualmente anche in parte per stralcio con un decreto legge, secondo una consuetudine in uso negli anni passati quando a ridosso dell’esodo estivo il Governo interveniva giustificando la decretazione con l’urgenza di intervenire a tutela della sicurezza della circolazione. Il testo è diviso in quattro titoli a loro volta divisi in capi e si chiude con una ampia delega per la riforma del codice della strada e del regolamento di attuazione. Di particolare interesse appaiono le modifiche degli articoli 186 e 125 del codice della strada e quelle dell’articolo 187, per rendere più efficaci e incisivi gli interventi in caso di guida in stato di ebbrezza o sotto l’effetto di stupefacenti o sostanze psicotrope (e non più con riferimento allo stato di alterazione). Le modifiche riguardano anche l’ampliamento dei casi in cui possono essere utilizzati i dispositivi per l’accertamento delle violazioni del codice della strada, arrivando a consentire in taluni caso l’uso della videosorveglianza presente sulle strade extraurbane principali e sulle autostrade.  

>> Continua la lettura dell’APPROFONDIMENTO