Questo articolo è stato letto 0 volte

Legge di Stabilità 2013, il testo completo del maxiemendamento finale

legge-di-stabilit-2013-il-testo-completo-del-maxiemendamento-finale.jpg

LeggiOggi.it

Il Ministro per i rapporti con il Parlamento Giarda ha posto, a nome del Governo, la questione di fiducia per l’approvazione dell’emendamento interamente sostituitivo del ddl n. 3584, Legge di stabilità. Il maxiemendamento 1.700 recepisce sostanzialmente il testo del ddl di stabilità licenziato dalla Commissione Bilancio. Come stabilito dalla Conferenza dei Capigruppo, nella seduta di oggi, giovedì 20 dicembre, con inizio alle ore 9, verranno votati emendamenti e articoli del bilancio, cui seguirà la discussione generale sulla questione di fiducia; le dichiarazioni di voto avranno inizio alle 10,30 e la chiama sarà indetta alle ore 12. Seguirà la presentazione e successiva votazione della seconda nota di variazione al bilancio; avrà infine luogo la votazione finale.

L’esame del provvedimento, discusso congiuntamente con la Legge di bilancio, è stato avviato nella seduta di ieri 19 dicembre con le relazioni dei senatori De Angelis, Legnini e Tancredi.

I relatori, nello svolgere la relazione orale, hanno sottolineato la sostanziale coerenza dei due provvedimenti con il quadro macroeconomico illustrato nel Documento di economia e finanza e hanno dato conto delle numerose novità introdotte prima dalla Camera e, successivamente, dalla Commissione bilancio del Senato.

Nonostante il perdurare della crisi economica e il peggioramento delle previsioni macroeconomiche, nel 2013 – hanno sottolineato i relatori – è raggiunto l’obiettivo storico del pareggio di bilancio in termini strutturali, cioè al netto della componente ciclica e delle misure una tantum. Il disegno di legge di stabilità opera, infatti, una correzione marginale sui saldi tendenziali di finanza pubblica pari a 2,5 miliardi in termini di indebitamento netto.

I principali interventi della Commissione bilancio hanno riguardato la riduzione dei tagli agli enti locali, l’allentamento del patto di stabilità interno, il trasferimento ai comuni del gettito IMU sulle abitazioni, le maggiori risorse per gli ammortizzatori sociali, lo stanziamento per i danni indiretti provocati dal sisma in Emilia, le ricongiunzioni pensionistiche, la proroga dei contratti dei precari della pubblica amministrazione, la rimodulazione della Tobin tax.

Vedi il testo del maxiemendamento

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *