Questo articolo è stato letto 23 volte

Il cittadino fotografa la polizia. La polizia fotografa il cittadino. Attività illecite, lecite, legittime, inutili, opportune o utili? (S. Bedessi)

il-cittadino-fotografa-la-polizia-la-polizia-fotografa-il-cittadino-attivit-illecite-lecite-legittime-inutili-opportune-o-utili-s-bedessi.jpg

Polnews.it

Su uno dei numerosi forum (www.comuni.it) dove i cittadini lasciano i loro quesiti, spesso dovuti più ad acrimonia verso presupposte mancanze degli organi di polizia, piuttosto che ad un genuino sentimento di legalità, si legge “È lecito fotografare un’auto con relativa targa parcheggiata in divieto di sosta davanti ad un passo carrabile autorizzato? Non si viola qualche legge a tutela della privacy o dell’altro? Tali foto, prodotte al Comando, hanno qualche valore giuridico affinché la PM possa sanzionare il trasgressore (è sempre lo stesso)?”.
La risposta alla parte finale del quesito è quasi ovvia: la polizia municipale (rectius: qualsiasi organo di polizia stradale) non può certo procedere a sanzionare il trasgressore di una norma sulla base delle sole risultanze fotografiche prodotte e poi trasmesse da soggetti privati: l’organo di polizia stradale deve infatti accertare direttamente l’infrazione non essendo possibili gli accertamenti de relato; tutt’al più, ed è il caso dei verbali redatti a seguito di sinistro stradale, può procedere a redigere verbali di contravvenzione basandosi su risultanze oggettive anche se non dirette…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *