Questo articolo è stato letto 1 volte

La patente di guida: Nuovi Quiz Ministeriali. Una guida speciale per passare l’esame

segnaletica_stradale

segnaletica_stradaleSi chiama “La Patente di Guida: nuovi quiz ministeriali” ed è una guida, semplice, esaustiva e multimediale (con cd rom allegato), per preparare al meglio l’esame di teoria che, dal prossimo 4 novembre, si arricchirà di ulteriori quiz giusto per rendere un po’ più complesso l’ottenimento della patente di guida.

Prima di tutto, specifichiamo quali saranno le categoria di patente di guida protagoniste del cambiamento, e cioè A1, A2, A, B1, B, BE: gli esami di teoria per il conseguimento della patente di guida saranno pieni di nuove domande e di vecchie domande variate (in totale 700 cambiamenti…).

A cambiare, lo diciamo ancora una volta, non sarà la tipologia di valutazione, che resterà la classica dei 40 quiz a risposta multipla, dove saranno ammessi solo 4 errori. Dunque, muteranno le domande, che metteranno alla prova anche coloro che, da mesi, si sono esercitati magari esaurendo il “librone” del Ministero più volte, imparando in qualche caso anche le risposte a memoria.

Naturalmente, con il cambio dei quesiti, tutto ciò risulterà più difficile, ma il metodo migliore per superare lo scoglio del’esame resta il solito: studiare, acquisire famigliarità con i quiz e comprendere al meglio le richieste del Ministero. Ecco perché avere a disposizione una guida ad hoc

Dunque, segnaliamo per tutti i futuri patentati La patente di guida – nuovi quiz ministeriali” un testo completo, aggiornato all’ultimissima schedatura delle domande elaborata dal Ministero. Il volume è arricchito da un cd-rom con l’applicazione Webpatente che include sia le classiche prove dei quiz, per testare il proprio livello di preparazione, che allenamento su specifici temi, che i candidati possono trovare particolarmente ostici. Il contenuto multimediale è compatibile con personal computer sia Windows che MacOS X.

 

Informazioni e acquisto on line

 

Fonte: Motorioggi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *