Questo articolo è stato letto 4 volte

Il nuovo gioco dell’importazione definitiva all’estero di veicoli immatricolati in Italia. Un fenomeno dilagante e i pochi strumenti a disposizione (G. Carmagnini)

il-nuovo-gioco-dellimportazione-definitiva-allestero-di-veicoli-immatricolati-in-italia-un-fenomeno-dilagante-e-i-pochi-strumenti-a-disposizione-g-carmagnini.jpg

Premessa

Nell’ultimo anno è esploso un nuovo fenomeno che ha messo in difficoltà gli organi di polizia stradale che si sono sempre più di frequente trovati a controllare veicoli immatricolati all’estero, quasi sempre in Romania e Bulgaria, ma talvolta anche in Albania o Estonia che, ad un accertamento sul telaio sono risultati immatricolati anche in Italia.

La finalità di tale pratica è evidente ed è stata più volte ingenuamente confessata dai conducenti, quasi sempre stranieri residenti in Italia e spesso intestatari anche dell’immatricolazione italiana e estera. Ovviamente, negli Stati dove i veicoli vengono fittiziamente esportati, reimmatricolati e reimportati come veicoli usati, i pressi dell’assicurazione sono molto convenienti, le tasse di circolazione (semmai sono pagate) sono basse e poi c’è il vantaggio di sparire agli occhi del fisco e degli occhi elettronici disseminati sulle strade italiane per l’accertamento delle violazioni…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *