Questo articolo è stato letto 10 volte

Ticket pagato ma non visibile

ticket-pagato-ma-non-visibile.jpg

Il comportamento dell’agente è stato assolutamente corretto, perché il ticket non era stato lasciato in una posizione agevole per poter effettuare il controllo. Va però tenuto presente il conducente con buon senso avrebbe dovuto esporre in modo visibile il tagliando, così da agevolare l’attività di controllo, evitando disguidi. Tuttavia, vero è che manca una norma che disciplini espressamente le modalità di esposizione del ticket, posto che l’art. 157 comma 6 (e non l’art. 7 c.d.s. come citato nella sentenza) recita: “Nei luoghi ove la sosta è permessa per un tempo limitato è fatto obbligo ai conducenti di segnalare, in modo chiaramente visibile, l’orario in cui la sosta ha avuto inizio”. Il ricorrente sostiene che debba ritenersi «chiaramente visibile il ticket posto sul sedile anteriore e non necessariamente sul parabrezza”. 

Vedi il testo della sentenza

 

Ti suggeriamo:

Prontuario delle violazioni al codice della strada e alle leggi sulla circolazione dei veicoli
di G. Carmagnini e M. Ancillotti

Prontuario pratico-operativo corredato di note comportamentali, riferimenti giurisprudenziali, schemi operativi 
e tabelle sanzionatorie per la rapida individuazione 
ed applicazione delle sanzioni contenute 
nel codice della strada ed in tutte le altre leggi complementari in materia di circolazione stradale.

Aggiornato alle nuove norme in materia di:
› guida senza patente
› omicidio stradale

SCOPRI DI PIU’

 

 

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *