Questo articolo è stato letto 817 volte

Sorpasso ciclisti: in arrivo una modifica all’art. 148 C.d.S.?

sorpasso distanza ciclisti

 

È approdata al Senato una modifica al Codice della Strada che dovrebbe introdurre, all’art. 148 C.d.S. (sorpasso), una distanza laterale minima per poter effettuare il sorpasso rispetto ai velocipedi: almeno un metro e mezzo. Il cosiddetto “DDL salvaciclisti” è già stato assegnato alla commissione Senato competente e attende ora l’inizio dell’esame.  Il disegno di legge introdurrebbe il comma 3-bis all’art. 148 C.d.S.:

«3-bis. È vietato il sorpasso di un velocipede a una distanza laterale minima inferiore a un metro e mezzo».

Ogni anno sulle strade italiane ci sono circa 250 ciclisti morti e 16.000 feriti

Il documento introduttivo al DDL rileva come le statistiche relative alla circolazione dei velocipedi sulle strade italiane dimostrino la necessità della norma per le attuali condizioni di pericolo: ogni anno muoiono sulle nostre strade circa 250 ciclisti e il numero dei feriti, pari a 16.000 circa, è ancora più allarmante. Sono le tratte extraurbane a costituire il maggiore pericolo, in particolare a causa della elevata differenza di velocità che intercorre fra biciclette e veicoli a motore, che spesso induce i conducenti di questi ultimi ad avventurarsi in azzardati e rischiosi sorpassi.

Al comma aggiunto si applicherebbe quanto previsto dal comma 16 dello stesso articolo 148: una sanzione amministrativa pecuniari da euro 163 a euro 652.

One thought on “Sorpasso ciclisti: in arrivo una modifica all’art. 148 C.d.S.?

  1. Ma i ciclisti che viaggiano in gruppi sono regolari ? se dovessi sorpassare un gruppo e avere 1,5 metri di spazio mi ritroverei nella cunetta opposta altrimenti dovrei stargli dietro e seguire la loro andatura , ma se io guido un’auto pagando bolli ,tasse su benzina, iva ecc.. non ho qualche diritto in più è come se ( e forse arriveremo anche a questo ) andassi in autostrada e dovessi andare a 30 all’ora perché ci sono dei deficienti in bicicletta . Se io ho una auto da corsa non vuol dire che debba fare le corse per strada ma neanche che devo fare la velocità di una bicicletta quindi incominciamo a far rispettare il codice ai ciclisti ,assicurazione obbligatoria ,bollo , uso della pista ciclabile , muniti di luci e freni ,revisioni ogni 2 anni ecc.. Il solito paese che legifera alla c…o di cane. Avete mai visto un vigile che multa i ciclisti in gruppo ?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *