Questo articolo è stato letto 0 volte

Guida sotto l’effetto di droga? Nessun reato se l’auto è in sosta (LeggiOggi.it)

guida-sotto-leffetto-di-droga-nessun-reato-se-lauto-in-sosta-leggioggi-it.jpg

La Corte di Cassazione, con la sentenza n. 30209 depositata ieri, ha invalidato le decisioni del Gip e della Corte d’Appello inerenti la condanna del ricorrente per la violazione dell’articolo 187 del Codice della strada (che prevede una sanzione fino a 6.000 euro e la reclusione fino ad un anno di carcere) per la guida sotto l’effetto delle sostanze stupefacenti. Sono stati due i motivi principali forniti a sostegno della richiesta di assoluzione: da un lato, su parere avanzato dal ricorrente, la condanna avrebbe dovuto essere cancellata in quanto violato il rispettivo diritto alla difesa, dall’altro invece, perché incompatibile con il momento della verifica del fatto.

In merito al primo elemento addotto a difesa dal ricorrente, esso atteneva alla condotta degli agenti che avrebbero informato l’uomo della possibilità di godere dell’assistenza legale esclusivamente facendo riferimento alla perquisizione dell’automobile di sua proprietà, senza fare alcun cenno alla richiesta di un prelievo biologico. Il secondo argomento, poi, riguardava il momento in cui erano stati effettuati i controlli, ossia quando l’uomo si trovava fermo presso un’area di servizio, occupato in una discussione con la fidanzata. In tal modo, veniva dunque a mancare la dimostrazione che il ricorrente avesse effettivamentecircolato in auto sotto gli effetti psicotropi delle sostanze stupefacenti, dietro (ovvia) negazione dell’imputato il quale aveva ammesso di aver assunto la droga proprio durante il frangente di sosta.

Nonostante la scarsa presumibilità che l’assunzione di droghe plurime avesse realmente avuto luogo mentre l’autovettura si trovava ferma e dunque l’imputato non ne fosse alla guida, e nonostante i pareri avversi alla tesi difensiva sia da parte del Gip che della Corte d’Appello, i giudici della Cassazione hanno comunque valutato le argomentazioni precedentemente emesse come sostenibili soltanto in qualità di ipotesi, e dunqueprive di fondata validità giuridica perché non supportate da elementi di prova oggettivi.

Dalla pronuncia della Suprema Corte si deduce pertanto che la certezza che il ricorrente fosse in uno stato psicofisico alterato a causa di sostanze psicotrope non rappresenta, di per sé, uno strumento sufficiente a comprovare il reato in questione se viene a mancare l’indispensabile requisito fondante la natura stessa dell’illecito, e cioè la prova concreta della guida sotto le predette condizioni. E’ apparsa, invece, più fiacca la contestata violazione del diritto di difesa. In tal senso, infatti, secondo la Cassazione l’eccezione era stata sollevata tardivamente rispetto alle tempistiche prescritte dall’articolo 182 del Codice di rito, in base al quale la stessa deve avere natura immediata, o viceversa arrivare almeno in sede di opposizione al decreto penale di condanna.

LeggiOggi.it

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *