Questo articolo è stato letto 121 volte

Investe un pedone e ne provoca la morte: necessaria la revisione della patente di guida

sinistro-stradale-un-pedone-viene-investito-da-un-motociclo-mentre-attraversa-sul-lato-sbagliato-della-strada-il-tribunale-di-milano-con-sentenza-n-62312015-stabilisce-che-non-vi-conco.jpg

Al ricorrente è contestata la violazione dell’art. 141, commi 4 e 11, del Codice della Strada, in quanto – come emerge dal verbale richiamato nell’atto impugnato – investiva un pedone, presente sulla parte destra della carreggiata percorsa dal veicolo, deceduto in seguito alle lesioni riportate.
Rispetto al provvedimento, correttamente motivato attraverso il richiamo del verbale redatto dai Carabinieri intervenuti, sono irrilevanti sia il ruolo e la professionalità della ricorrente sia la circostanza di non essere mai stata coinvolta in sinistri stradali, sia la diversa valutazione che sarebbe stata espressa dal Giudice di Pace (il quale peraltro si sarebbe limitato a sospendere il diverso provvedimento prefettizio di sospensione della patente di guida).
In riferimento agli ulteriori elementi, riferiti dallo stesso ricorrente, quali la prossimità dell’incrocio (in cui si è verificato il sinistro), la scarsa illuminazione della sede stradale, l’evidente difficoltà di deambulazione del pedone dovuta alla sua età avanzata, si tratta di circostanze aggravanti nella valutazione del comportamento della conducente che hanno ragionevolmente indotto l’ufficio della Motorizzazione civile a disporre la revisione della patente di guida, mediante nuovo esame di idoneità, al fine di verificare la persistenza dei requisiti di idoneità tecnica in capo alla ricorrente.
Consulta il testo della sentenza del TAR Toscana 21.9.2016 n. 1380

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *