Questo articolo è stato letto 352 volte

Il 15 maggio scade il termine per utilizzare pneumatici invernali con indice di velocità inferiore a quello indicato nella carta di circolazione

Approfondimento di G. Carmagnini

regolamento-per-la-gestione-degli-pneumatici-fuori-uso-pfu-ai-sensi-dellarticolo-228-del-decreto-legislativo-3-aprile-2006-n-152-e-successive-modificazioni-e-integrazioni-recante-disposizioni-i.jpg

Gli pneumatici invernali differiscono dal punto di vista costruttivo da quelli estivi per il battistrada, studiato per garantire una migliore aderenza in caso di neve o ghiaccio, in quanto caratterizzato da particolari lamelle, incavi più profondi e il disegno, oltre che per l’impiego di mescole ricche di silicio, in modo da garantire la massima aderenza anche alle basse temperature.
Relativamente alla marcatura, lo pneumatico invernale è riconoscibile per la sigla M+S, ovvero, in alternativa, M-S, M&S o MS, stampata nel fianco, a significare l’idoneità dello pneumatico alla marcia su neve o su fango  (Mud and Snow). La presenza di tale marchio è sufficiente a consentire l’uso degli pneumatici come alternativi alle catene (salvo specifici divieti), ma si tratta di dispositivi “all season”, cioè per tutte le stagioni. La presenza di un marchio convenzionale sugli pneumatici M+S, rappresentante il picco di una montagna conun fiocco di neve (snowflake) indica che quel pneumatico è particolarmente indicato per le basse temperature, ma dal puntodi vista delle disposizioni vigenti è considerato al pari degli pneumatici M+S (M-S, M&S o MS) per tutte le stagioni.

Continua a leggere l’articolo

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *