Non è possibile affidare a privati le attività di accertamento delle violazioni a mezzo di apparecchi elettronici di controllo ed altro. Confermato il sequestro delle apparecchiature elettroniche, in quanto ritenuto sussistente il fumus del reato di abuso d’ufficio

Considerazioni a margine della Sentenza Cassazione penale sez. VI, 17 marzo 2010, n. 10620
Torna alla ribalta la questione relativa alla corresponsione di importi esosi, consistenti in una percentuale sugli incassi delle violazioni in prospettiva rilevate a mezzo apparecchi di controllo della velocità…

Consulta l’approfondimento a cura di Giuseppe Carmagnini

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.