Armi da fuoco: omessa custodia se la cassetta di sicurezza è facilmente amovibile

Dopo aver subito il furto della propria pistola, custodita dentro una cassetta di sicurezza posizionata nel comodino della camera da letto, un privato ricorre avverso i provvedimenti di revoca della licenza di porto d’armi inflitti dalla Prefettura e dalla Questura.

Per il Consiglio di Stato non è sufficiente chiudere la pistola dentro una cassetta di metallo dotata di serratura a combinazione, riposta all’interno di un comodino della camera da letto, per ottemperare all’obbligo di custodia delle armi da fuoco. Un comodino infatti può essere considerato unicamente quale elemento di arredo e non di sicurezza e, in ogni caso, qualsiasi dispositivo di sicurezza, seppur munito di lucchetto o serratura, se collocato in un comodino, può essere agevolmente asportato, ancor prima che forzato.

leggi la sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.