Pacchetto mobilità votato dall’Europarlamento

L’8 luglio 2020 l’Europarlamento ha approvato definitivamente e senza apportare alcuna modifica i due Regolamenti e la Direttiva che costituiscono il Primo Pacchetto Mobilità e che riformano l’autotrasporto. Il testo votato a maggioranza dal Parlamento Europeo è quello emanato dal Consiglio Europeo e sottoscritto nel dicembre del 2019.
Tra le nuove regole emanate, per quanto riguarda gli autisti, cambieranno le regole per il loro distacco trans-nazionale e quelle sui tempi di guida e di riposo. Le aziende di autotrasporto dovranno organizzare i viaggi in modo che gli autisti nel trasporto internazionale di merci possano tornare a casa a intervalli regolari (ogni tre o quattro settimane a seconda dell’orario di lavoro). Il riposo settimanale regolare non potrà essere svolto nella cabina del camion in tutto il territorio comunitario e a certe condizioni l’azienda dovrà pagare le spese di alloggio dell’autista.
Per quanto concerne l’utilizzo dei cronotachigrafi gli autisti dovranno registrare i passaggi di frontiera per agevolare i controlli su strada nel trasporto internazionale. Verrà introdotto l’obbligo del cronotachigrafo anche per i veicoli commerciali con massa complessiva da 2,5 a 3,5 tonnellate che svolgono autotrasporto internazionale. Il Pacchetto chiarisce anche le modalità di applicazione del distacco trans-nazionale degli autisti per assicurare la parità di retribuzione sull’intero territorio comunitario.

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.