Questo articolo è stato letto 363 volte

L’utilizzo dei droni nelle città alla luce dell’introduzione del Regolamento di esecuzione UE 2019/947

di Federico Michelotti

Il nuovo regolamento europeo sulle norme e procedure per l’esercizio di aeromobili senza equipaggio doveva entrare in vigore il 1° luglio 2020, ma a causa della pandemia da COVID-19 la sua applicabilità è stata rinviata al 1° gennaio 2021.

La nuova legislazione toglie la potestà regolamentare agli enti dell’aviazione nazionale, lasciando la materia in capo all’EASA (European union Aviation Safety Agency), l’equivalente europea della nostra ENAC (Ente Nazionale dell’Aviazione Civile), al fine di rendere la normativa comune a tutti gli stati facenti parte l’Unione europea.

Agli Enti nazionali resta la competenza sugli spazi aerei, sulla registrazione dei droni, sulla formazione dei piloti e il rilascio degli attestati, la diffusione e l’applicazione della normativa, la funzione di supervisione e controlli.

Nel nuovo regolamento lo spazio aereo viene suddiviso in tre fasce: aperta, specifica e certificata con requisiti ben definiti, ove il mancato rispetto di un requisito fa salire nella categoria immediatamente superiore.

 

Continua a leggere l’ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.