Siti inquinati – Gli obblighi del curatore fallimentare

di Gabriele Mighela

In materia di siti inquinati, capita spesso di chiedersi se con la dichiarazione di fallimento, perdano  giuridica rilevanza gli obblighi cui era tenuta la società fallita ai sensi dell’art. 192 d.lgs. n. 152 -2006 nonostante  il curatore fallimentare in un’ottica di continuità gestisca proprio il patrimonio  del bene della società fallita e ne ha la disponibilità materiale.

Di recente il Consiglio di Stato ha rilevato che deve escludersi che il curatore possa qualificarsi come avente causa del fallito nel  trattamento di rifiuti, salve, ovviamente le ipotesi in cui la produzione dei rifiuti sia ascrivibile specificamente all’operato del curatore, non dando vita il Fallimento ad alcun fenomeno successorio sul piano giuridico.

 

Continua la lettura dell’APPROFONDIMENTO

 

TI CONSIGLIAMO

[libprof code=”35″ mode=”inline”]

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.