Questo articolo è stato letto 121 volte

I benefici delle vittime del dovere vanno estesi anche al personale della polizia locale

vigili3

L’attività espletata dalla polizia municipale rientra nella nozione di servizi di ordine pubblico e, secondo la Consulta, la nozione di sicurezza pubblica è stata definita come la “funzione inerente alla prevenzione dei reati o al mantenimento dell’ordine pubblico” e tale definizione è stata, poi, precisata nel senso che la polizia di sicurezza ricomprende “le misure preventive e repressive dirette al mantenimento dell’ordine pubblico, da intendersi quale complesso dei beni giuridici fondamentali o degli interessi pubblici primari sui quali si fonda l’ordinata convivenza civile dei consociati”. Pertanto, per la Cassazione (sentenza n.8004/2021) deve essere riconosciuto estensibile, al personale della polizia locale che abbia agito nell’ambito della sicurezza pubblica, i benefici che la legge attribuisce alle vittime del dovere, mentre per quanto riguarda la quantificazione dei benefici, in ragione di una non unanime posizione del giudice di legittimità, la questione è stata rimessa alla Sezione Unite per la relativa risoluzione di massima.

 

Continua la lettura dell’ARTICOLO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *