Questo articolo è stato letto 153 volte

Aspetti edilizi inerenti ai ricoveri per animali domestici

In materia di strutture per il ricovero di animali, occorre partire dal concetto di “opera libera” così come definito all’art. 6 del DPR 3890/2001.

Qualora venga messa in opera una struttura di piccole dimensioni (e.g. una classica “cuccia” per il cane o una piccola gabbia per gatti o ricovero galline e simili), si deve concludere che tale manufatto non abbia una valenza di vera e propria opera edilizia.

Ovviamente, se le dimensioni del manufatto dovessero risultare tutt’altro che irrilevanti, è necessario protendere principalmente per il titolo edilizio della C.I.L.A. o della S.C.I.A. in luogo del Permesso di Costruire. Tutto ciò deve anche essere parametrato alla normativa regionale in materia edilizia ed agli strumenti urbanisti comunali.

 

Clicca qui per leggere l’articolo completo

 

TI CONSIGLIAMO

La vigilanza edilizia

La vigilanza edilizia

Alberto Cuoghi, 2020, Maggioli Editore
Guida pratica, completa, aggiornata e di facile consultazione, rivolta a tutti coloro che si occupano di vigilanza edilizia e che necessitano di un ausilio operativo per lo svolgimento dei controlli e dei sopralluoghi nei cantieri edili.

42,00 € Acquista

su www.maggiolieditore.it

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.