Questo articolo è stato letto 118 volte

Compressione del diritto al lavoro, della libertà personale, della libertà di circolazione, della libertà di riunione, della libertà di culto, della libertà di opinione e del diritto all’informazione, del diritto alla cura e della libertà dall’obbligo sanitario, del diritto al libero esercizio delle arti e delle scienze e al loro libero insegnamento, del diritto all’istruzione, della libertà di iniziativa economica

La Corte Costituzionale, con sentenza 13/4/2021, n. 67 dichiara inammissibile il ricorso proposto nel giudizio per conflitto di attribuzione tra poteri dello Stato promosso in relazione a tutti i decreti del Presidente del Consiglio dei ministri e a tutti i decreti e le ordinanze ministeriali adottati, fino alla data di deposito del ricorso, per fronteggiare l’emergenza epidemiologica da COVID-19.

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *