Falso materiale al Comandante della Polizia Locale che modifica il verbale di violazione al CDS

Gli organi accertatori possono modificare il destinatario del verbale di contestazione di una infrazione del codice della strada nel solo caso in cui dovesse essere accertato un errore di identificazione dell’autore della violazione. Pertanto, il Comandante della Polizia Locale che dovesse modificare il preavviso di accertamento modificando l’articolo del codice della strada violato sì da ridurre l’entità della somma dovuta per la sanzione e da evitare la decurtazione dei punti prevista per l’infrazione effettivamente commessa, con distruzione dell’originario preavviso di accertamento, incorre nel reato falso materiale di cui all’art.476 del c.p. La conferma del reato è giunta anche dalla Cassazione (sentenza n. 21017/2021) che non ha accolto le tesi difensive del Comandante per una diversa ricostruzione dei fatti contestati.

 

Continua la lettura dell’ARTICOLO

 

TI CONSIGLIAMO

[libprof code=”59″ mode=”inline”]

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.