Questo articolo è stato letto 79 volte

Nessuna risoluzione di diritto del contratto con il Comandante della P.L. che non rientri in servizio dall’aspettativa

L’14 del C.C.N.L. del 2000 del contratto Regioni ed enti locali, prevede che «il rapporto di lavoro è risolto, senza diritto ad alcuna indennità sostitutiva di preavviso, nei confronti del dipendente che, salvo casi di comprovato impedimento, non si presenti per riprendere servizio alla scadenza del periodo di aspettativa». Il Comandante della Polizia Locale, che non abbia ripreso il servizio alla scadenza dell’aspettativa, non incorre nella procedura della risoluzione di diritto prevista dalla norma contrattuale, ma deve essere soggetto al procedimento disciplinare, al fine di poter legittimamente dimostrare l’eventuale caso di impedimento. Con tale principio di diritto la Cassazione (sentenza n.16393/2021) ha annullato la sentenza della Corte di appello che ha ritenuto legittima la risoluzione di diritto del contratto con il responsabile della polizia locale.

 

Continua la lettura dell’ARTICOLO

 

NON SEI ANCORA ABBONATO A POLIZIALOCALE.COM?
CLICCA QUI PER AVERE INFORMAZIONI SULL’ABBONAMENTO


Richiedi una password di prova gratuita per 10 giorni

Potrai consultare gratuitamente

  • Tutte le novità di giornata per un aggiornamento professionale costante e immediato
  • Analisi, commenti e pareri dei migliori esperti in materia
  • Tutta la documentazione giuridica e normativa aggiornata quotidianamente
  • L’Esperto risponde
  • Rassegna stampa
  • Raccolte tematiche
  • Channel e Podcast
  • E-book
  • Newsletter quotidiana e quindicinale

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.