Obbligo vaccinale e procedimento sanzionatorio

Articolo di Sergio Bedessi

Con il d.l. 7 gennaio 2022, n. 1, “Misure urgenti per fronteggiare l’emergenza COVID-19, in particolare nei luoghi di lavoro, nelle scuole e negli istituti della formazione superiore.” sono stati introdotti nuovi obblighi e misure in relazione all’emergenza sanitaria in corso.

Fra le varie cose si prevede dal 15 febbraio l’obbligo del “Super Green Pass” (così si è definito quest’ultimo certificato di vaccinazione covid) per i lavoratori pubblici e privati che hanno compiuto 50 anni, con la correlata sanzione della sospensione dallo stipendio, ma peraltro con la conservazione del posto di lavoro, per chi non vi provveda. Inoltre, si è previsto l’obbligo del “green pass” semplice (la certificazione, alternativa, di essere vaccinato oppure controllato circa l’essere portatori, anche sani, del virus) per l’accesso ai servizi pubblici e ai servizi alla persona (come il parrucchiere). Mentre l’obbligo del “green pass” per i servizi alla persona andrà a valere dal 20 gennaio prossimo, per le altre attività si rimanda al primo febbraio, peraltro previa adozione dell’ennesimo D.P.C.M. per individuare quali attività sono escluse dall’obbligo.

 

Continua la lettura dell’APPROFONDIMENTO

 

 

Non  sei abbonato?

Contattaci per informazioni o password di prova al servizio

oppure

Chiamaci al numero 0541.628200
dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 17.30

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.