Integra il reato di estorsione minacciare di morte la consorte per farsi consegnare il denaro del reddito di cittadinanza e acquistare stupefacenti

La Corte di Cassazione ha condannato un uomo per estorsione perché costui aveva minacciato di morte la moglie con un martello e lanciandole addosso una lampada, per ottenere la consegna del denaro frutto del reddito di cittadinanza, a lui intestato ma considerato come unica fonte di sostentamento del nucleo familiare, con il fine di acquistare sostanze stupefacenti.

 

Continua la lettura dell’APPROFONDIMENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.