Terre e rocce da scavo – Gestione come sottoprodotti e non come rifiuti

Secondo la Corte di Cassazione, III sez.pen. – sentenza n.38864/2022 – il mancato rispetto dei presupposti di legittimità della raccolta previsti dalla normativa di settore impedisce di qualificare i rifiuti  come sottoprodotti, se non risultano rispettati i requisiti dell’art. 186 del d. lgs. n. 152 del 2006, ciò in coerenza con la giurisprudenza della Corte secondo cui, in tema di gestione dei rifiuti, l’applicazione della disciplina sulle terre e rocce da scavo, nella parte in cui sottopone i materiali da essa indicati al regime dei sotto-prodotti e non a quello dei rifiuti, è subordinata alla prova positiva, gravante sull’imputato, della sussistenza delle condizioni previste per la sua operatività, in quanto trattasi di disciplina avente natura eccezionale e derogatoria rispetto a quella ordinaria.

 

TI CONSIGLIAMO

I volumi Maggioli Editore per la Polizia Locale

Illeciti stradali e contenzioso Prontuario di polizia giudiziaria. Guida pratica per le attività di indagine e la redazione degli atti. Con... Prontuario di polizia ambientaleRilievi di infortunistica stradale. Manuale operativo

 

Non  sei abbonato?

Contattaci per informazioni o password di prova al servizio

oppure

Chiamaci al numero 0541.628200
dal Lunedì al Venerdì, dalle 8.30 alle 17.30

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.