Percettore di reddito di cittadinanza che omette di comunicare all’INPS l’avvenuta assunzione o lo svolgimento di attività lavorativa

Una Corte d’Appello, in riforma della sentenza di un Tribunale del Distretto con la quale un uomo era stato condannato, a seguito di rito abbreviato, alla pena di un anno e otto mesi di reclusione in relazione al reato di cui all’art. 7, comma 2, Legge 28 marzo 2019 n. 26 in quanto, quale percettore del reddito di cittadinanza, aveva omesso di comunicare l’avvenuta assunzione o, comunque, lo svolgimento di attività lavorativa, presso una ditta individuale, aveva ridotto la pena inflitta all’imputato a un anno, un mese e dieci giorni di reclusione, confermando nel resto la sentenza impugnata.

 

Continua la lettura dell’APPROFONDIMENTO

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.