Questo articolo è stato letto 19 volte

Precisazioni sulle insegne di esercizio e le loro dimensioni sulle facciate degli edifici.
L’approfondimento a cura di G. Carmagnini

Si definisce “insegna di esercizio” la scritta in caratteri alfanumerici, completata eventualmente da simboli e da marchi, realizzata e supportata con materiali di qualsiasi natura, installata nella sede dell’attività a cui si riferisce o nelle pertinenze accessorie alla stessa. Può essere luminosa sia per luce propria che per luce indiretta. Fuori dai centri abitati le insegne di esercizio non devono superare la superficie di 6 m², ad eccezione di quelle poste parallelamente al senso di marcia dei veicoli o in aderenza ai fabbricati, che possono raggiungere la superficie di 20 m²; qualora la superficie di ciascuna facciata dell’edificio ove ha sede l’attività sia superiore a 100 m², è possibile incrementare la superficie dell’insegna di esercizio nella misura del 10% della superficie di facciata eccedente 100 m², fino al limite di 50 m²…

Continua a leggere

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.