Accertamento di reati del CdS – verbali – opponibilità – titolo esecutivo – atto terminale del procedimento sanzionatorio – impugnabilità. Cassazione sez. II Civile, 21/12/2011 n. 28051

Non sono opponibili i verbali relativi all’accertamento di reati del codice della strada, anche perchè il presupposto della eccezionale opponibilità del verbale di infrazioni al codice della strada risiede nella sua potenziale attitudine a divenire titolo esecutivo, ponendosi, per l’effetto, come atto terminale del procedimento sanzionatorio in luogo dell’ordinanza-ingiunzione (così giustificando l’immediata opposizione in sede giurisdizionale), mentre, nel caso delle suddette violazioni, il medesimo verbale di accertamento – con il quale gli organi accenditori si limitano a constatare il fatto e sono tenuti a farne rapporto all’autorità giudiziaria inquirente – è privo di tale, potenziale efficacia, e non è, pertanto, direttamente impugnabile in sede giurisdizionale.

Leggi il testo della sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.