Questo articolo è stato letto 9 volte

La mera esposizione del contrassegno invalidi altrui non integra né il reato di sostituzione di persona, né quello di truffa. Ancora una volta non passa la linea dura di Firenze

Cassazione penale, sez. II,  14/3/2012, n. 9859

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.