Questo articolo è stato letto 6 volte

L’autotrasporto di cose in ambito europeo, con particolare attenzione alla licenza comunitaria. Approfondimento di G. Simonato

Premessa

Nell’ambito dell’Unione Europea, la liberalizzazione della circolazione delle persone, delle merci, dei servizi e dei capitali, ha costituito un obiettivo primario per lo spostamento delle merci, soprattutto per quanto concerne questo settore specifico si è registrato un aumento considerevole del parco veicolare.

L’aumento esponenziale del trasporto merci su gomme e dell’attività dell’autotrasportatore, ha indotto il legislatore europeo ad intervenire con legislazioni specifiche e rigorose.

La disciplina europea che regola l’autotrasporto merci si applica non solamente agli stati membri, ma anche ai Paesi che fanno parte dello Spazio Economico Europeo (SEE), cioè Norvegia, Islanda e Linchtenstein.

Si intendono per trasporti internazionali europei gli spostamenti dei veicoli, anche a vuoto che soddisfino queste prerogative:

  • Con partenza e arrivo in due Stati membri diversi;
  • Da uno Stato membro verso un paese terzo e viceversa;
  • Tra Paesi terzi con transito nel territorio di uno o più Stati membri.

I tragitti in transito sono sempre consentiti in regime di licenza comunitaria… 

Continua a leggere 
 

Vedi lo Speciale Autotrasporto

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *