Questo articolo è stato letto 1 volte

La pessima illuminazione della zona non attenua le responsabilità dell’automobilista che, con la propria autovettura – caratterizzata da una velocità fuori luogo rispetto al contesto – colpisce una donna, provocandone la morte. Si configura, pertanto, il reato di omicidio colposo – Corte di Cassazione Penale, 12/11/2014

 

Vedi il testo della Sentenza

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.