Un camionista innesca la retromarcia del mezzo in una strada stretta e priva di marciapiede e senza accorgersene travolge e uccide una donna che aveva perso l’equilibrio mentre era intenta a passeggiare sulla strada. La Corte di Cassazione, con sentenza del 7/9/2015, ricorda che il codice della strada agli artt. 141, 145, 191 estende al massimo l’obbligo di attenzione e prudenza del conducente, sino a comprendere il dovere di prospettarsi le altrui condotte irregolari.

Vedi il testo della sentenza

 

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.