Abolizione del registro infortuni

In una logica di semplificazione degli adempimenti complessivi a carico del datore di lavoro viene abolito il registro infortuni il quale non è  più obbligatorio in cantiere.
A sancirlo è il D.lgs. 151/2015 che ha attuato le direttive  contenute nell’atto legislativo denominato “JOBS ACT” . Infatti a far data del 23/12/2015 il datore di lavoro deve comunicare telematicamente solo gli infortuni superiori ai 3 giorni.
Quando sarà attuato il Sistema Informativo Nazionale della Prevenzione sarà attivata la sanzione per la mancata comunicazione per gli infortuni superiori ad 1 giorno.

A tal fine l’ INAIL ha creato un “cruscotto infortuni” nel quale sarà possibile consultare gli infortuni occorsi a partire dal 23/12/15 ai dipendenti e prestatori d’opera e denunciati dallo stesso datore di lavoro.

Gli infortuni precedenti saranno consultabili sul “vecchio” cartaceo vidimato.

Il registro infortuni era stato introdotto dal d.P.R. 547/1955, articolo 403, il cui modello è stato approvato con D.M. 12.9.1958, come modificato dal D.M. 5.12.1996.

 

A. Cuoghi

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato.

Questo sito usa Akismet per ridurre lo spam. Scopri come i tuoi dati vengono elaborati.